Serie A: Lazio-Pescara, le pagelle

Immobile 7,5 - Rieccolo, finalmente. Sembra essere tornato quello di Pescara e Torino. Nell'attacco biancoceleste ha trovato la sua dimensione e ora non vuole più fermarsi. Con Keita e Felipe Anderson può fare tantissimi gol

18.09.16 00:04
By redcc

Dai, vota anche tu!!! Votato 1.92/5 (12 Voti)

Serie A: Lazio-Pescara, le pagelle LE PAGELLE di Sportmediaset

Immobile 7,5 - Rieccolo, finalmente. Sembra essere tornato quello di Pescara e Torino. Nell'attacco biancoceleste ha trovato la sua dimensione e ora non vuole più fermarsi. Con Keita e Felipe Anderson può fare tantissimi gol.
Memushaj 5,5 - Sbaglia il rigore che poteva cambiare la storia del match, ma nel centrocampo abruzzese è sempre nel vivo del gioco.
Bizzarri 6 - Nonostante i tre gol incassati e un'uscita a farfalle, è il migliore del match del Pescara. Rimanda nella ripresa la gioia dei laziali.
Keita 7 - Un talento da non sprecare. Ha fatto pace con Tare e Inzaghi e ora deve conquistarsi una maglia da titolare. Avanti di questo passo non farà fatica a scalare le gerarchie.

Le pagelle di eurosport.com

===Lazio===

Federico MARCHETTI 6 - Non ha grandi interventi da fare, ma quando viene chiamato in causa non commette errori.

Bartolomeu BASTOS 5,5 - Il cambio di modulo mette in difficoltà un po' tutti, ma soffre tantissimo sulla sua zona di competenza sugli affondi di Biraghi. Poi c'è il fallo su Caprari in area, che per poco non costava carissimo alla Lazio.

Stefan DE VRIJ 6,5 - Non sbaglia praticamente nulla, comanda egregiamente la difesa e copre bene in marcatura prima su Caprari (che è costretto ad uscire dall'area per avere qualche pallone giocabile) poi su Manaj.

Stefan RADU 6,5 - Aiuta Lulić in fase di spinta, non rischia nulla in fase difensiva e condisce la sua buona gara con il colpo di testa che vale il 2-0.

Felipe ANDERSON 6,5 - Tanti punti di domanda riguardo al suo nervosismo, ma sul campo il suo lavoro è ottimo. Da lui partono tutti i pericoli per la difesa avversaria, suo l'assist per il gol dell'1-0. (dal 73' Dušan BASTA 6 - Si cala subito nella realtà del match, dalla sua fascia arrivano in area tantissimi cross nel finale di gara ma non c'è il gol del poker).

Marco PAROLO 6,5 - Non fa il regista ma lo si vede a tutto campo. Attacca da destra, aiuta Cataldi in regia, ogni tanto lo si becca in area a cercare il gol. Peccato per la mira, meritava anche lui di entrare nel tabellino.

Danilo CATALDI 6 - I tempi di gioco non sono quelli di Biglia, ma gioca comunque una partita ordinata a centrocampo.

Sergej MILINKOVIĆ SAVIĆ 7 - Grande intensità in mezzo al campo, nel primo e nel secondo tempo. Prende tanti falli, sa quando spendere - a sua volta - il fallo tattico e si mostra anche pericoloso nell'area avversaria. Nella ripresa è suo il gol che apre il risultato. (dal 81' Alessandro MURGIA sv - Prima gara all'Olimpico con la maglia della prima squadra, un giorno da ricordare anche per lui).

Senad LULIĆ 6,5 - Spinge quanto basta sulla sinistra, non è un portento ma contribuisce alla manovra offensiva e soprattutto tiene e a bada Zampano che non sale mai nella trequarti avversaria.

Ciro IMMOBILE 6,5 - Grande movimento che mette in crisi la difesa ospite. Segna il gol del 3-0, ma sbaglia anche tante occasioni.

Filip DJORDJEVIĆ 5,5 - A volte lo si vede anche in copertura, ma in attacco fa veramente molto poco. Errore importante, sotto porta, nel primo tempo in avvio di gara. (60' Balde KEITA 7 - Entra e mette a ferro e fuoco l'intero Pescara. A partita in corso diventa un'arma difficile da trovare nell'intero campionato di Serie A).

All. Simone INZAGHI 6,5 - Nonostante il cambio di modulo, la sua Lazio gioca un discreto calcio. Certo c'è ancora da lavorare, soprattutto nella gestione degli uomini: Felipe Anderson, Keita, ecc...

===Pescara===

Albano BIZZARRI 6 - Tre gol subiti e un'uscita a vuoto nel secondo tempo. Come fa a prendere la sufficienza? Beh, se non ci fosse stato lui in porta, il Pescara sarebbe uscito dall'Olimpico con un passivo ancora più importante.

Francesco ZAMPANO 5 - Lo Zampano visto contro l'Inter era un altro giocatore. Nessun movimento a salire a destra, non riesce a mettere in difficoltà né Radu né Lulić.

Hugo CAMPAGNARO 5 - Tiene in piedi il Pescara per un tempo, poi nella ripresa salta anche l'ex centrale dell'Inter. Quelli della Lazio attaccano da tutte le zone del campo e in coppia con Fornasier non riesce proprio a fare muro.

Norbert GYÖMBÉR 6 - Gioca praticamente solo un tempo, fin quando è in campo Immobile e Djordjević devono faticare per riuscire ad andare al tiro. (dal 49' Michele FORNASIER 5 - Entra a freddo dopo l'infortunio di Gyömbér ed ha quindi qualche attenuante, ma la sensazione è che quando il pallone si trova dalle sue parti il Pescara rischi sempre grosso).

Cristiano BIRAGHI 6 - Rende la vita molto difficile a Bastos e allo stesso Felipe Anderson nel primo tempo con puntuali accelerate che portano anche il Pescara ad essere pericoloso. Nella ripresa però si spegne.

Ledian MEMUSHAJ 4,5 - Si battaglia a centrocampo, poi c'è la grande chance del rigore. Sbaglia dal dischetto, e conscio dell'errore si eclissa facendo ancora peggio.

Gastón BRUGMAN 5 - Molto impreciso in mezzo al campo. Viene saltato spesso e volentieri dal centrocampo della Lazio, in fase di impostazione è lento e non riesce a lanciare il tridente d'attacco.

Bryan CRISTANTE 5 - Sembra intraprendente, almeno nel primo tempo. Nella ripresa viene surclassato come tutti i compagni di squadra. (dal 73' Alexandru MITRITA sv - Tocca così pochi palloni che lasciamo la sua casella vuota...)

Ahmad BENALI 4,5 - È uno dei giocatori con più talento nel Pescara, ma oggi il centrocampista libico non lo fa vedere. Non riesce a trovare l'intesa con Verre e Caprari nonostante il duo sembrasse molto ispirato nel primo tempo. Oddo non vede da lui i giusti movimenti e lo lascia negli spogliatoi, inserendo al suo posto Manaj. (dal 46' Rey MANAJ 5 - Oddo spera, con il suo ingresso, di cambiare il volto alla gara. L'attaccante di proprietà dell'Inter fa veramente poco per meritarsi questo attestato, anzi fallisce un'ottima occasione in contropiede).

Valerio VERRE 5,5 - Con i suoi scambi stretti e le sue giocate si fa apprezzare nel primo tempo. Anche lui però si spegne nella ripresa, senza far ripartire il suo Pescara.

Gianluca CAPRARI 6 - È l'ultimo che si arrende, senza dimenticare che è l'unico a rendersi veramente pericoloso oltre ad aver conquistato il rigore che sarebbe potuto valere l'1-0.

All. Massimo ODDO 5 - Questa volta il suo Pescara non c'è e non ci sono le attenuanti dei gol subiti 'da principianti' come accaduto contro l'Inter. Nel primo tempo è anche apprezzabile il suo gioco anche se la tenuta difensiva non è al top, il centrocampo a 5 della Lazio è sicuramente superiore e il Pescara non adotta le contromisure necessarie. Nella ripresa anziché migliorare, la squadra ospite si sfalda completamente. Lui chiede più ardore, anche sotto 3-0, ma i suoi ragazzi non rispondono presente.

18.09.16 00:04 - redcc