Nasce l'Atletico Montesilvano

Si rivoluziona il panorama calcistico montesilvanese,  con la nascita dell’A.S.D. ATLETICO MONTESILVANO a seguito di una fusione tra l’A.S.D. Daniele Cericola e l’A.C.S.D.

25.07.12 14:27
By redcc

Dai, vota anche tu!!! Votato 3.07/5 (15 Voti)

Nasce l'Atletico Montesilvano

Si rivoluziona il panorama calcistico montesilvanese,  con la nascita dell’A.S.D. ATLETICO MONTESILVANO a seguito di una fusione tra l’A.S.D. Daniele Cericola e l’A.C.S.D. Il Cormorano e con l’affiliazioni delle Scuole Calcio dell’A.S.D. Olimpia Montesilvano e dell’A.S.D. Villa Carmine Lions.

L’A.S.D. ATLETICO MONTESILVANO nasce dall’unione e l’esperienza di uomini di calcio della città di Montesilvano, con un passato nel glorioso Montesilvano Calcio 1954, oramai scomparso. L’obiettivo è far rifiorire il calcio montesilvanese.

Il Presidente sarà Patrizio Di Virgilio, Vice-presidenti Adamo Salvatorelli e Federico Barone, Segretario Direttore generale Francesco Falconetti, Tesoriere Fabio Fragassi, Direttore Sportivo Alfonso Dell’Elce. I consiglieri del Direttivo saranno Edgardo Servalli, Piero Buonvivere, Raffaele Di Donato, Antonio Petrucci. 

A completare l’organigramma dei soci fondatori Antonio Barbacani Domenico Cilli, Fabrizio D’Agnese, Felice D’Agnese, Giorgio D’Anastasio che ricoprirà il ruolo di allenatore della Prima Squadra, Daniele Di Berardino, Fabio Di Berardino, Di Gregorio Domenico ( tecnico della Juniores ), Mauro Di Pietro, Fabrizio Donatelli, Alessandro Febbo, Manuel Fieni, Alfredo Florindi, Fernando Nicolì, Erminio Pagliuca, Gabriele Patricelli, Antonio Pellicciotta, Aldo Pinciotti, Federico Sacchini, Amedeo Sagazio, Domenico Talanca e Graziano Tauro.  

La nuova compagine allestirà una squadra per ogni categoria a partire dai Giovanissimi fino alla Prima Squadra.

Resteranno autonome le due Scuole Calcio affiliate Olimpia Montesilvano e Villa Carmine Lions, ben integrate tra i soci fondatori.

”In effetti  l’idea è di avere una squadra maggiore quanto più possibile fatta di giovani talenti provenienti dal settore giovanile, per ridare alla società lo splendore del tempo passato evitando i rischi di difficili impegni finanziari“.

Siamo sempre la, al problema della gestione economico/finanziaria delle squadre di calcio che soffrono maggiormente questo periodo di crisi economica

Quindi interessante l’idea di riunire più forze evitando la parcellizzazione di 3/4 squadre in un ambiente sociale ristretto che, per forza di cose, si cannibalizzano a vicenda e non vanno più in del poco.

Il movimento che si sta creando è invece positivo. Prima di tutto perchè solo smuovendo le acque queste diventano limpide quando invece stando ferme si trasformano in un pantano opaco.

E poi perchè in questo modo si parla di una “strategia”, di un progetto di medio/lungo periodo con un vivaio tenuto in forte considerazione per la squadra maggiore.

Nella foto il tecnico della nuova realtà

25.07.12 14:27 - redcc - Letto 5354